La rete Adessonews è un aggregatore di news è pubblica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana.  Puoi richiedere la rimozione o inserimento degli articoli  in qualsiasi momento clicca qui.  Al termine di ciascun articolo puoi individuare la provenienza.

Cerca: Agevolazioni Finanziamenti Norme e Tributi sulla rete ADESSONEWS

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
#adessonews
Nostri Servizi

Ammortamento italiano: esempio e funzionamento

Finanziamenti - Agevolazioni - Norme - Tributi

Operativi su tutto territorio Italiano

 


La tipologia di ammortamento più usata anche nel nostro paese è quella detta alla Francese, ma a questa si affiancano altri tipi come l’ammortamento italiano e quello anglosassone. Tra tutti quello italiano è invece il più ‘comodo’ da utilizzare (con l’impiego di una formula estremamente semplice), il che lo rende un sistema molto usato nel caso dei prestiti o dei mutui tra privati, parenti, amici, ecc.

Come funziona?

Ciò che caratterizza l’ammortamento italiano o all’italiana è che la quota capitale è costante nel tempo. Quindi, ad esempio, nel caso di un mutuo o un prestito con durata di 5 anni e di 10 mila euro, si prende il monte capitale e si divide per il numero di rate, che per questioni di semplicità, supponiamo siano coincidenti con l’anno (cioè 1 rata all’anno per un totale di 5 anni). Ciascuna quota capitale rimborsata sarà di 2 mila euro. Ovviamente (a meno di un prestito infruttifero) alla quota del capitale si deve aggiungere la quota degli interessi. Questi sono calcolati con una formula altrettanto semplice. Poniamo come ipotesi che il tasso sia del 5%. Quindi:

  • per la prima rata si applicherà il 5% sull’intera somma ottenuta come finanziamento (quindi 10.000 euro), ottenendo 500 euro di interessi che aggiunti alla quota capitale, porteranno la prima rata di rimborso a 2500 euro. Quindi il capitale residuo sarà di 10.000-2.000= 8.000 euro;
  • per la seconda rata il 5% andrà calcolato sul capitale residuo, quindi gli interessi saranno di 400 euro, per una rata complessiva di 2400 euro. Il capitale residuo diventa di 8.000-2.000=6.000;
  • si procede così fino al pagamento dell’ultima rata.
  • Differenza con l’ammortamento alla francese

    Con l’ammortamento italiano la quota capitale è costante per cui la rata rimborsata complessiva è decrescente, per la progressiva riduzione degli interessi. Invece in quello alla francese, la rata è complessivamente costante, con la quota capitale che cresce e quella degli interessi che decresce nel corso del tempo. Quindi su un piano di mera convenienza, quello italiano porta a un rimborso di interessi minore, in quanto permette di rimborsare il capitale più velocemente, e per il calcolo degli interessi composti quindi risulterà meno oneroso rispetto a quello alla francese.

    Inserito nella categoria: Ammortamento mutuo

Source

Finanziamenti - Agevolazioni - Norme - Tributi

Operativi su tutto territorio Italiano

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: