La rete Adessonews è un aggregatore di news è pubblica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana.  Puoi richiedere la rimozione o inserimento degli articoli  in qualsiasi momento clicca qui.  Al termine di ciascun articolo puoi individuare la provenienza.

Cerca: Agevolazioni Finanziamenti Norme e Tributi sulla rete ADESSONEWS

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
#adessonews
Nostri Servizi

Benefici prima casa anche a chi non trasferisce la residenza nel Comune

Finanziamenti - Agevolazioni - Norme - Tributi

Operativi su tutto territorio Italiano

 

Agevolazioni anche per gli studenti universitari, a chi svolge attività di volontariato e a chi presta attività lavorativa.

Le agevolazioni fiscali sulla prima casa possono scattare anche se il beneficiario non prende, entro 18 mesi, la residenza nel Comune ove si trova l’immobile. Infatti, si può non rispettare l’obbligo imposto dalla legge nel caso in cui il beneficiario presti attività lavorativa nel luogo ove è situato l’immobile, ovviamente a condizione che l’immobile stesso sia utilizzato a tale scopo. Lo ha ricordato la Commissione Tributaria Regionale di Firenze con una recente sentenza [1]. Ma procediamo con ordine per comprendere meglio di cosa si tratta.

Condizioni per l’agevolazione prima casa

Tre le condizioni previste dalla legge per usufruire delle agevolazioni “prima casa” (leggi l’articolo “Condizioni agevolazione prima casa”):

a) si deve trattare dell’acquisto di una casa d’abitazione “non di lusso”;

b) il beneficiario non deve essere proprietario (anche in comunione) di un altro immobile (oppure titolare di usufrutto, uso o diritto di abitazione);

c) l’immobile deve essere ubicato nel territorio del Comune in cui l’acquirente ha residenza; diversamente egli è obbligato, entro 18 mesi dall’acquisto, a trasferirvi la propria residenza.

Tuttavia – ed è qui il punto – l’immobile può anche trovarsi nel luogo in cui il beneficiario svolge la propria attività di lavoro. In tal caso, egli non ha più l’obbligo di trasferire la propria residenza nel Comune ove si trova l’immobile.

Dunque, via libera alle agevolazioni sulla prima casa anche quando il contribuente non prende la residenza, se però lavora nel Comune dov’è ubicato l’immobile.

Finanziamenti - Agevolazioni - Norme - Tributi

Operativi su tutto territorio Italiano

 

La giurisprudenza riconosce l’agevolazione prima casa oltre a chi ufficialmente avrà la residenza entro diciotto mesi, anche alle seguenti situazioni:

– allo studente universitario per l’acquisto di una casa di abitazione nel Comune in cui è ubicata la facoltà universitaria;

– a chi svolge nel Comune attività di volontariato;

– a chi svolge attività lavorativa a condizione che l’immobile sia utilizzato allo scopo di viverci dentro (e non, per esempio, a uso investimento).

Pertanto il contribuente che svolge attività lavorativa nel Comune nel cui territorio ha acquistato la prima casa ha il diritto di usufruire delle agevolazioni “prima casa” a condizione che l’immobile sia utilizzato a tale scopo.

                <h4>note</h4>
                [1] CTR Firenze, sent. n. 58/2015.

Autore immagine: 123rf com

Source

Finanziamenti - Agevolazioni - Norme - Tributi

Operativi su tutto territorio Italiano

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: