La rete Adessonews è un aggregatore di news è pubblica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana.  Puoi richiedere la rimozione o inserimento degli articoli  in qualsiasi momento clicca qui.  Al termine di ciascun articolo puoi individuare la provenienza.

Cerca: Agevolazioni Finanziamenti Norme e Tributi sulla rete ADESSONEWS

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
#adessonews
Nostri Servizi

Cosa sono i prestiti diretti? Finanziamenti bancari, ma senza la banca

Finanziamenti - Agevolazioni - Norme - Tributi

Operativi su tutto territorio Italiano

 


Cos’è il prestito diretto (o direct lending, in inglese)? Un classico finanziamento bancario, ma senza banca. Dato che un restringimento delle normative ha cambiato intrinsecamente il mercato del credito dopo la crisi finanziaria, le banche tradizionali hanno ridotto i prestiti alle imprese.
Questa scelta ha creato una grande opportunità per un crescente gruppo di asset manager che erogano prestiti alle società a capitale medio. Per gli investitori, è una risposta sempre più popolare ai problemi di scarsa produttività. Alcune aziende abbastanza grandi da entrare nel mercato del debito stanno invece scegliendo il finanziamento tramite prestiti diretti. La domanda nella mente dei regolatori è: il mercato può sostenere tale crescita senza che ne derivi un disastro?

Come funziona il prestito diretto

Tutto ha inizio dai gestori patrimoniali – al principio prevalentemente hedge fund e fondi privati, ma oggi anche altri tipi di investitori, incluse le società di assicurazione – che raccolgono una pool di capitale da investitori interessati al debito. I manager responsabili avanzano proposte dai consulenti del debito con opportunità di investimento o fondi di capitale privato in cerca di acquisizioni finanziarie.
Il fondo di prestito diretto fa una sua ricerca prima di distribuire i propri fondi. I creditori diretti tendono a trattenere i prestiti a lungo termine, talvolta offrendo sostegno alla crescita della società e l’inserimento in diversi round di finanziamento, anche se alcuni fondi vendono una piccola parte del loro debito.

Chi effettua il prestito?

Generalmente sono le imprese di medie dimensioni a cui le banche non sono più interessate a fare dei prestiti. Il loro bisogno di credito e la mancanza di buone alternative significa che i creditori diretti possono estrarre tassi di interesse più elevati – in generale, almeno 2 punti percentuali in più rispetto a quello che le imprese analoghe devono pagare per ottenere un prestito dalle banche o dal mercato del debito sindacato.

Prestito diretto: perché se ne parla tanto?

I finanziatori diretti stanno accumulando più soldi e perseguendo diversi tipi di offerte. Circa 13,3 miliardi di dollari sono stati generati a livello mondiale nel primo trimestre del 2017, più della metà del totale per il 2016, secondo Deloitte. Gli Stati Uniti sono il più grande centro di prestiti diretti, con una quota del 61% del mercato. A giugno 2016, gli erogatori privati ​​di credito avevano 595 miliardi di dollari di beni in gestione, secondo la società di ricerca Preqin.

Come stanno cambiando le offerte?

Alcuni istituti di credito europei diretti stanno collaborando per raggiungere offerte più grandi. Si stanno anche rivolgendo verso imprese a più alto profilo. Ad esempio, Heckler and Koch Inc., Non-Standard Finance Plc e Zenith Group Holdings Ltd. hanno recentemente soddisfatto le loro necessità di finanziamento tramite un prestatore diretto invece di scegliere il percorso tradizionale di una vendita di obbligazioni.

A cos’è dovuta la crescita?

L’investitore domanda, guidato dalla ricerca del rendimento. E in una sorta di ciclo virtuoso, nel momento in cui più soldi entrano nei prestiti diretti, i gestori dei fondi sono in grado di stipulare prestiti più grandi, il che rende ancor più attraente il prestito diretto. Le imprese di gestione del patrimonio stanno raccogliendo un sacco di soldi da fondi pensione e da investitori istituzionali che hanno bisogno di distribuire denaro e trovare il rendimento in un ambiente a basso tasso. C’è anche domanda di finanziamenti da piccole e medie imprese (PMI) che hanno lottato per ottenere prestiti dalle banche più prudenti e non sono in grado di emettere obbligazioni. All’estremità inferiore dello spettro ad alto rendimento, i finanziatori diretti possono essere attraenti per le aziende che affrontano sfide specifiche a livello aziendale o settoriale.

Quanto sono rischiosi i prestiti?

Ottenere prestiti è un po’ più rischioso. Mentre l’attività di prestito diretto si è sviluppata concentrandosi su imprese solide e sicure che non erano adatte alle banche, un numero crescente di istituti di credito diretti sta estendendo il finanziamento del debito a più alto rischio a società più in difficoltà . Alcuni fondi stanno acquistando nel cosiddetto story credit, dando prestiti a società che sono considerate più a rischio dopo una ristrutturazione finanziaria o difficoltà di altro genere. Questo è, in parte, un riflesso di quanto sia diventato competitivo il mercato.

In che cosa consiste il prestito diretto?

La cosa principale è che i finanziatori diretti dicono sì alle compagnie a cui le banche non vogliono più concedere prestiti. E poiché i creditori diretti non sono soggetti alle linee guida del capitale, sono in grado di assumere società con una maggiore leva finanziaria, il che significa rendimenti attraenti per gli investitori se l’affare avviene senza problemi.

Quali sono i suoi effetti negativi?

Il punto in più che può rendere i prestiti diretti più attraenti può anche dare risultati spiacevoli se l’economia o i mercati hanno avuto intoppi. I mutuatari potrebbero non amare il fatto che un singolo prestatore può avere più potere nei negoziati rispetto a un gruppo. E come il resto del settore-ombra bancario, il prestito diretto funziona senza una supervisione regolamentare. Il vicepresidente della Banca centrale europea, Vitor Constancio, ha chiesto la regolazione «preventiva» dei creditori non bancari per evitare un rischio sistematico.

Finanziamenti - Agevolazioni - Norme - Tributi

Operativi su tutto territorio Italiano

 

Source

Finanziamenti - Agevolazioni - Norme - Tributi

Operativi su tutto territorio Italiano

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: